Sant'Angelo-in-Theodice

Sant’Angelo in Theodice: riapre la delegazione comunale

Riapre a Sant’Angelo in Theodice la delegazione comunale. A partire da giovedì, 6 Agosto, dopo diversi anni viene ripristinato il servizio sportello Ufficio Anagrafe. I cittadini potranno qui richiedere i certificati di identità, quello elettorale, di esistenza in vita, ottenere le autentiche di firma ecc. Insomma tutto ciò che attiene alle certificazioni di anagrafe. Per tutti gli atti riguardanti invece lo Stato Civile e l’Elettorale bisognerà ancora far riferimento alla sede centrale del Comune.

img_0836
Banner-Cassino-Notizie-grifondoro-1024x341
Banner-Cassino-Notizie-grifondoro-1024x341

Lo sportello

Lo sportello della Delegazione è ubicato in corso Trieste, opererà una volta alla settimana, il giovedì, dalle ore 15,15 alle ore 17,30. Il servizio sarà assicurato a rotazione da un dipendente comunale.

 In tempi di autocertificazioni e di utilizzo degli strumenti telematici, a prima vista una succursale per tale servizio potrebbe sembrare un fatto anacronistico. Ma l’amministrazione, valutata la specifica realtà, ha considerato le esigenze di tante persone avanti negli anni. Molte delle quali non autonome negli spostamenti dal luogo di residenza, ed ha inteso agevolarle in qualche modo.  Si tratta infatti di un primo passo verso un ampliamento possibile del servizio con la graduale assunzione di nuove unità lavorative alle dipendenze del Comune.

L’impegno assunto per Sant’Angelo

Era un impegno assunto in campagna elettorale e il sindaco, Enzo Salera, gli eletti della frazione, l’assessore Arianna Volante, i consiglieri, Tommaso Marrocco, Fausto Salera e Daniele Longo, lo hanno voluto mantenere. Quest’ultimo, in proposito, ha detto: «Arriviamo a questo traguardo con un po’ di ritardo per via del Covid, ma alla fine lo abbiamo tagliato. Questo importa a noi e ai nostri concittadini santangelesi. Contiamo in futuro di potenziare il servizio, assicurandolo anche qualche giorno in più alla settimana. Siamo abituati ad operare nell’esclusivo interesse della nostra collettività e ad onorare gli impegni che ci assumiamo. Senza inutili quanto fastidiosi strombazzamenti. Questi sì, anacronistici».

Rispondi