La supercazzola del seggio prematurato a sinistra

A rendere famosissima la “fenomenologia della supercazzola” sono stati i film di “Amici Miei”, in particolare i primi due episodi diretti dal quel mostro sacro del cinema che era Mario Monicelli. Protagonisti gli indimenticabili Gastone Moschin, Duilio Del Prete, Philippe Noiret, Adolfo Celi, Renzo Montagnani e il re della Supercazzola Ugo Tognazzi  nel ruolo del Conte Mascetti.

Il fantomatico gruppo di esperti

I recenti fatti sulla discussione della surroga di Carmine Di Mambro e di Mario Abbruzzese, prima, ci hanno ricordato momenti indimenticabili della commedia all’italiana. (Leggi Dal metodo D’Hondt al metodo “Tont”. E Leone torna a ruggire). Ma anche amareggiato sulla scarsa qualità di alcune notizie basate sulle teorie di un fantomatico “gruppo di esperti” che ha riscritto leggi elettorali e metodi di assegnazione dei seggi in un comune sopra i 15.000 abitanti. Forse potrebbero essere gli stessi che hanno coordinato la raccolta firme per le liste a sostegno del candidato sindaco Enzo Salera. Tra l’altro uno che non perde occasione per fare “belle” figure di….. «Lunedì verificheremo», disse, chissà se l’avrà fatto.

Il seggio non poteva mai spettare ad una coalizione diversa

Insomma, come abbiamo sempre sostenuto, il seggio lasciato da Di Mambro non poteva mai e poi mai spettare ad una lista non collegata alla coalizione di centrodestra. Ricordiamo che Rossella Chiusaroli era candidata in “Cassino del Cuore”. Lista che faceva parte della coalizione a sostegno del candidato sindaco, Giuseppe Golini Petrarcone.

Sul sito del Ministero dell’Interno

In nostro soccorso sono arrivate anche le parole scritte sul sito del Ministero dell’Interno che a precisa domanda risponde:

« Il seggio quindi va restituito alla coalizione collegata, alla quale, tra l’altro, era stato originariamente detratto. Per individuare la lista avente diritto, deve considerarsi la lista cui appartiene il primo quoziente non utile del riparto a suo tempo effettuato all’interno della coalizione stessa. Una volta individuata la lista, il seggio va ovviamente al candidato non eletto di quella lista che ha riportato più voti».

Ma i dubbi non ci sono mai stati. Prendiamola dunque come una semplice e gustosa supercazzola….del seggio prematurato a sinistra. Attribuendo sempre la giusta credibilità a chi scrive da giornalista e a chi gli da retta.

Rispondi